BIM OBBLIGATORIO DA GENNAIO 2025: ASMEL IN PRIMA LINEA PER FORMAZIONE E SUPPORTO AI COMUNI ASMEL rinnova la collaborazione con il Polimi e sviluppa un percorso di supporto personalizzato nella gestione delle specifiche esigenze degli Enti appaltanti in tutte le fasi di utilizzo e implementazione del BIM, in vista degli obblighi dell'1° gennaio

01/07/2024

Tra sei mesi scatta l’obbligo generalizzato di utilizzo della metodologia BIM, per tutte le opere sopra un milione di euro, ai sensi dell’art. 43 del Codice dei contratti. La transizione al BIM richiede formazione e certificazione delle persone, adeguamento degli strumenti utilizzati e definizione di procedure ad hoc per la gestione degli appalti. Senza una programmazione adeguata, nonostante i bonus previsti per i tecnici interni agli Enti e per i progettisti esterni, si rischia il bis del caos digitalizzazione. 
Per questo ASMEL ha rinnovato la collaborazione con il Politecnico di Milano e ha sviluppato un percorso di supporto personalizzato nella gestione delle specifiche esigenze degli Enti appaltanti in tutte le fasi di utilizzo e implementazione del BIM, dagli adempimenti preliminari fino alla gestione avanzata dei dati e dei documenti informativi su piattaforma interoperabile ACDat, fornita dal partner tecnico Geoweb, e resa disponibile gratuitamente agli associati.
Un team multidisciplinare di tecnici qualificati supporta gli Enti appaltanti anche per la verifica e validazione dei modelli BIM, indispensabile per tutelare gli Enti riguardo l’effettiva qualità dei modelli utilizzati sia nella fase realizzativa che nella successiva fase manutentiva delle opere. 
Qui la brochure del supporto di BIM management e sul sito i percorsi formativi a corredo in ambito organizzativo, tecnologico e legale e le certificazioni delle figure professionali conformi alla UNI11337-7 secondo il protocollo definito da ACCREDIA. 
È possibile richiedere subito una consulenza gratuita per prepararsi ad appaltare secondo gli obblighi BIM del Codice Appalti e iniziare a utilizzare la piattaforma interoperabile ACDat.

 

torna all'inizio del contenuto
Questo sito web utilizza i cookie
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.