Il DECRETO MIT sui compensi ai Commissari di gara: ASMEL ricorre al TAR contro il bigottismo normativo Mentre continuano a piovere sui Comuni i nuovi provvedimenti attuativi del Codice Appalti, dal Ministero delle Infrastrutture piovono addirittura pietre.

15/05/2018

Mentre continuano a piovere sui Comuni i nuovi provvedimenti attuativi del Codice Appalti, dal Ministero delle Infrastrutture piovono addirittura pietre.

Con proprio Decreto (G.U. n. 88 del 16 aprile 2018), infatti, il MIT ha fissato il compenso minimo per le Commissioni di gara in 9.150 euro, oltre le spese di trasferta.

Sotto la Circolare ASMEL che preannuncia il ricorso al TAR Lazio per l'annullamento del Decreto per manifesta irragionevolezza e per eccesso di delega: il Codice prescrive il compenso massimo, mentre il MIT si è arrogato il diritto di fissare un compenso minimo per i Commissari di gara, senza riflettere sul fatto che per l'80% delle gare comunali le 9.150 euro (11.000 con le spese di trasferta) non trovano capienza nel quadro economico.

Qui la Circolare sul Ricorso al MIT

 

DALLE NOSTRE RASSEGNE

torna all'inizio del contenuto
Questo sito web utilizza i cookie
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.