La via europea per gli appalti pubblici: da Asmel una proposta di riforma a costo zero per lo sviluppo e l’occupazione in Italia Con un intervento sulle pagine economiche del quotidiano “Il Corriere della Sera” il segretario generale di Asmel, Francesco Pinto, interviene nel dibattito in corso sulle difficoltà creata ai Comuni ed alle imprese

26/02/2018

Con un intervento sulle pagine economiche del quotidiano “Il Corriere della Sera” il segretario generale di Asmel, Francesco Pinto, interviene nel dibattito in corso sulle difficoltà creata ai Comuni ed alle imprese dalla riforma del Codice degli appalti e lancia la proposta di una integrale trasposizione nell’ordinamento italiano delle direttive europee sugli appalti da integrare solo con una regolamentazione di secondo livello, snella e flessibile, in capo ad Anac. Si tratterebbe di una riforma a costo zero in grado di far ripartire gli appalti (i soldi ci sono, ma spesso non si riesce spenderli per l’incertezza normativa) e soprattutto in grado di far aumentare significativamente il tasso di crescita del PIL, generando centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro.
Qui il testo integrale dell’articolo 
Qui la relazione dell’Audizione Asmel in Senato

 

DALLE NOSTRE RASSEGNE

torna all'inizio del contenuto
Questo sito web utilizza i cookie
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.